Ultimo aggiornamento martedì, 25 settembre 2018 - 15:52

E’ morto a 67 anni il regista Carlo Vanzina

8 luglio 2018 10:02 Di redazione
2'

E’ morto a Roma il regista Carlo Vanzina. Aveva 67 anni e da tempo lottava contro un male incurabile. A diffondere la notizia sono la moglie Lisa e il fratello Enrico in una nota:

“Nella sua amata Roma, dov’era nato, ancora troppo giovane e nel pieno della maturità intellettuale, dopo una lotta lucida e coraggiosa contro la malattia – si legge nella nota della famiglia – ci ha lasciati il grande regista Carlo Vanzina amato da milioni di spettatori ai quali, con i suoi film, ha regalato allegria, umorismo e uno sguardo affettuoso per capire il nostro Paese”.

Figlio del grande regista Steno (nome d’arte per Stefano Vanzina) e di Maria Teresa Nati, ha avuto come maestro il grande Mario Monicelli. Ha firmato alcuni dei maggiori successi del cinema italiano degli anni ottanta e novanta, alfiere di quella particolare evoluzione della commedia all’italiana verso i territori più facilmente commerciali del giovanilismo e dell’umorismo di derivazione televisiva.

Dopo un apprendistato con Monicelli, con il padre Steno e con Sordi, ha formato con il fratello Enrico un’affiatatissima coppia di cineasti di grande versatilità ed efficienza produttiva. Dal 1976 al 2017 sono stati tantissimi i film e le mini-serie realizzate. Una produzione corposa che ha raccontato l’Italia e gli italiani per oltre 40 anni. Le sue intuizioni seriali (“Eccezzziunale veramente”, “Vacanze di”) hanno dato il via al filone del “cinepanettone”, tanti criticato negli ultimi anni.

Ha lavorato con quasi tutti gli attori principali italiani: Diego Abatantuono, Gian Maria Volonté, Sergio Castellitto, Renato Pozzeto, Paolo Villaggio, Gigi Proietti, Enrico Montesano, Vincenzo Salemme, Christian De Sica, Massimo Boldi, Enrico Brignano, Michele Placido, Virna Lisi, Monica Vitti, Monica Bellucci, Anna Foglietta e tanti altri. Ha diretto anche molti grandi attori internazionali Faye Dunaway, Rupert Everett, Carol Bouquet, Elliot Gould, Jean Rochefort, Leslie Nielsen, Susannah York, David Warner, Dean Jones, Daryl Hannah, Matthew Modine.

In una recente intervista così si era espresso sul lavoro cinematografico portato avanti insieme al fratello Enrico: “In una cinematografia seria come quella americana, noi Vanzina saremmo venerati come Spielberg. Qui dobbiamo vergognarci”.

Loading...
Loading...
LEGGI COMMENTI