Ultimo aggiornamento venerdì, 17 novembre 2017 - 17:12

Le incredibili cause della morte del famoso attore: “Ne ha abusato per anni ma se ne vergognava e voleva uscirne”

Cronaca
11 luglio 2017 14:07 Di lazzaro
2'

Gli appassionati di serie tv lo hanno amato per il suo personaggio di Lafayette Reynolds nella serie tv cult della HBO True Blood. La morte di Nelsan Ellis ha addolorato milioni di telespettatori in tutto il mondo. L’attore aveva solo 39 anni. La sua perdita improvvisa ha lasciato tutti a bocca aperta. Inizialmente le cause della sua morte erano sconosciute e si pensava ad un arresto cardiaco. Ma in seguito all’autopsia, si è scoperto il vero motivo che lo ha portato alla morte.

Le cause della morte di Nelsan Ellis: l’attore era dipendente da droga e alcol

L’attore è famosissimo per True Blood in cui dal 2008, per tre stagioni, interpretava il ruolo di Lafayette Reynolds, cuoco omosessuale del “Merlotte’s” e spacciatore di sangue di vampiro che ne vivrà di tutti i colori. Ha anche recitato in altre serie tv di successo come Gossip Girl, Senza traccia ed Elementary. A due giorni dall’annuncio della morte di Nelsan Ellis, sono state date aggiornamenti sulle cause del decesso dell’attore: da tempo combatteva con la dipendenza da droghe ed alcool come ha detto il padre.

Il manager di Ellis ha successivamente confermato: “Il padre di Ellis ha concordato con me di condividere con la stampa le circostanze che hanno portato ai problemi cardiaci di cui è stato vittima Nelsan. È stato affetto da abuso di alcol e droghe per anni e dopo diversi anni passati in rehab, ha provato a uscirne da solo, ma durante il periodo di disintossicazione l’ha colpito un’infezione sanguigna che ha portato a problemi renali, ipertrofia del fegato e un crollo di pressione sanguigna, fino al collasso del suo caro cuore”.

Inoltre abbiamo scoperto che era già ricoverato in ospedale: “Nella mattina dell’8 luglio, dopo quattro giorni di ricovero al Woodhull Hospital, è stato annunciato il decesso di Nelsan. Era una persona gentile e generosa, un animo dolce. Se ne vergognava della sua dipendenza ed era riluttante a parlarne. La sua famiglia è convinta e crede che la sua tragica morte possa servire simbolicamente ad aiutare gli altri”.

Loading...
Loading...
LEGGI COMMENTI